giovedì 15 marzo 2012

DAILAN DOG NUMERO UNICO: UN SOGNO

Quest'albo è una parodia pubblicata a Pinerolo come numero unico nel settembre 1996 da Paolo Falco del   "Circolo Culturale Fumetto & Lettura". 
La tiratura è stata di 3000 copie numerate a mano dallo stesso autore, Falco, che dichiara: "sono andate esaurite in pochi mesi" ed inoltre "Quasi tutti i lettori di Dylan Dog, quando si recavano in edicola o da me al circolo, chiedevano l'albetto chiamandolo DAILAN e non DYLAN come anche la Bonelli ha piu' volte sottolineato.  Allora mi sono detto: ma voi volete DAILAN? e allora io ve lo faccio !!!  


In effetti nei primi anni di vita editoriale il nome del fumetto veniva spesso storpiato in DAILAN. Questo impose alla casa editrice di fare chiarezza mediante un intervento sulla posta.
I disegni e la copertina sono di Massimo Ascoli
L'albo è composto da 28 pagine copertine incluse, non numerate, formato 16 cm x 21 cm, prezzo imposto Lire 4.000.
Trattasi di uno spillato ben inquadrato e curato nei minimi particolari, così come la carta che ha buona grammatura, le copertine sono plastificate.
I personaggi principali della storia sono DAILAN DOG, GRUCCIO E DESDI MATEUS, un'italiana ex conduttrice di un programma radiofonico notturno (su radio "Strega" ndr)  che chiede aiuto all'anziano Dailan, proponendosi inoltre come supporto, per indagare su un caso di cronaca.
L'idea ispiratrice dell'albo è un salto nel futuro dell'eroe più gettonato del momento.  DAILAN DOG diverrà quindi la versione di Dylan Dog da anziano, accompagnato dalla sua spalla storica, che per l'occasione sarà un GRUCCIO datato ma non lacunoso di battute più o meno divertenti.
Serviva poi una donna per l'amplesso di rito, ed ecco sopraggiungere dall'Italia la disoccupata DESDI, presa in prestito da "L'INSONNE", serie ideata nel 1994 da Giuseppe Di Bernardo (affermato disegnatore di Diabolik) e da Andrea J. Polidori,  dedicata alle avventure in bilico tra il drammatico e il paranormale dell'affascinante  Desdy Metus, la detective/deejay di radio StregaDesdemona Metus.
L'insonne non ebbe molto successo e si fermò al terzo numero, motivo per cui DESDI in DAILAN DOG  è ancora giovane e non invecchiata come gli altri 2 co-protagonisti.
Sappiamo poi che le avventure della nottambula Desdy ricominciarono nel 2005 grazie alla casa editrice Free Book e successivamente, tramite Edizioni Arcadia. Il cambio di editore fu motivato dai ritardi nella pubblicazione dell'opera rispetto alle tempistiche  previste dagli autori.   In totale la serie è di 13 episodi più gli "speciali".
La parodia  DAILAN DOG è ambientata a Firenze, città di Desdi, che, con Dailan "smaschera" nel vero senso della parola,il mostro di Firenze, fatto di cronaca nera italiana.  
A tal proposito nel 1968, con l'omicidio di Barbara Locci e Antonio Lo Bianco, ebbe inizio la catena di omicidi che si concluse nel 1985 con 16 giovani vittime.   Ormai, dopo oltre 40 anni, l'opinione pubblica e gli inquirenti, hanno perso ogni speranza di assicurare alla giustizia il vero serial killer e/o i mandanti. Per chi volesse documentarsi meglio su una delle vicende che insanguinarono le colline toscane può consultare il blog "Calibro22" cliccando qui.
DAILAN DOG ha epilogo in una casa di riposo dove l'attempato protagonista si sveglia da uno dei suoi soliti incubi.   Possiamo considerarlo come un team-up con "L'insonne" e la sua protagonista.
Licenza Creative Commons  I contenuti di questo sito, curati da Stefano Prioni, sono concessi in Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.  Permissions beyond the scope of this license may be available to CLICK HERE!

20 commenti:

  1. Esaustivo anche in questo articolo, come sempre del resto!!!!!!
    Credo che gli omicidi del mostro di FIRENZE, sia uno tra i più macabri e anche intricati capitoli della storia ITALIANA.

    RispondiElimina
  2. Grazie infinite per l' articolo. Debbo dire da appassionata di dyd un avventura in terra nostrana, mi alletta non poco; sue bay l' albo costa 120 euro; possibile che sia così raro ?

    RispondiElimina
  3. Consiglia al tizio delle 120 euro di cambiare pusher che quella roba che prende gli fa sicuramente male.

    RispondiElimina
  4. 120 che??? seeeeeeeeeeeeee 120 calci nel c..o!!!

    RispondiElimina
  5. Ancora vi stupite di quello che capita su ebay? In quel mercato la merce, se in mano ad alcuni venditori, pure che si tratta di sterco di bufalo fatto a Craven Road 7, può valere anche centinaia di euro.
    Lasciate pure che comprino quello che gli pare al prezzo che vogliono, è proprio a causa di questi "danarosi" che in asta, ormai difficilmente, si riesce a prendere qualcosa a prezzi decenti .
    Inoltre c'è da tener conto che l'11% di commissioni che pagano i venditori, e non è poco, di riflesso fa alzare i prezzi. Ciò non toglie che 120 euro sia un prezzo assolutamente assurdo per Dailan Dog.

    RispondiElimina
  6. Beh caro DOMENICO, il mercato è libero, e se uno oltre ai calci non vuole prenderlo..... ops scusate, volevo dire prendere una fregatura, deve per forza consultare questo fantastico blog e il suo ADMIN, ebbene sia ringraziato il cielo che ci è stato fatto dono del sig. STEFANO PRIONI.
    Daltronde però è anche vero che: chi non ha 500 mila euri da spendere al giorno d'oggi? eh?
    120 euro sono bruscolini, se un zerbino ne vale 900.
    Vai grandiiii!!!!!!!!
    Ciao belli!!!!!!

    RispondiElimina
  7. ottimo articolo,dettagliato in ogni sfumatura.
    io colleziono le parodie,ma spendere 120 euro per una parodia è esagerato,
    ormai Stefano è diventato il mio mentore,con la sua esperienza in materia mi evita di fare degli acquisti che potrebbero essere delle bidonate, non faccio più un acquisto senza prima consultarlo,a volte mi sento come un bambino che fa i capricci per un oggetto per poi chiedere il permesso a papà.
    Fin quando avrà pazienza gli rompero le scatole
    grazie

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefano, nell'articolo non viene fatto alcun cenno al fattore falsificazione che, se non erro, ha contagiato anche questa parodia..giusto?

    RispondiElimina
  9. Per quanto riguarda il falso, ieri ne ho visto uno a Milano al Cartoomics, si vocifera a tal proposito da tempo, su vari siti.
    Non ne ho fatto alcun cenno in quanto non ho gli estremi per dire come riconoscerlo.
    Appena avrò in mano una copia falsa, fatte le opportune verifiche, eventualmente contattando anche l'editore, provvederò a redigere una recensione ad hoc.

    RispondiElimina
  10. x Stefano
    Una curiosità: che tu sappia esistono parodie AUTORIZZATE dalla BONELLI?
    Mi è stato detto che quella della Hazard fosse l'unica davvero autorizzata, ti risulta o mi hanno detto una scemenza?

    RispondiElimina
  11. Secondo me le parodie nascono senza licenza, bisognerebbe chiedere alla Bonelli.
    Dylan Can pubblicata su 'Cronaca di Topolinia' potrebbe anche essere stata autorizzata, Taormina e Sergio Bonelli si conoscevano ma avere queste certezze è arduo.

    RispondiElimina
  12. NOOOOOO, pure Dylan Can esiste, questa non l'avevo mai sentita nominare?
    Sarei mooooolto curioso di vedere almeno la copertina.

    RispondiElimina
  13. Raga, mi potreste narrare la storia di questo albo ? Secondo voi merita ?

    RispondiElimina
  14. coreggimi se sbaglio
    di questa parodia ne esistono 2,tutte e due su cronaca di topolinia
    la cosa che non capisco,sono le due versioni di cronaca di topolinia,una con copertina verde l'altra con copertina su sfondo bianca con titolo e disegno in arancio
    io ho la seconda quella in arancio

    RispondiElimina
  15. Esiste anche azzurra, in formato ciclostile.
    Quella arancio, perfettamente identica nei contenuti, è solo una versione più curata anche nella grammatura delle copertine.
    Io ho le 2 versioni che ho citato inclusa l'arancio.
    Per quanto riguarda CDT poi ci sono altri 3 numeri in cui si cambia rotta, cover a colori dedicate a Dylan Dog ma di contenuti sempre un poco scarsi onestamente.

    RispondiElimina
  16. Anche io ho la versione azzurra in formato ciclostile ed effettivamente non è curata perfettamente.

    RispondiElimina
  17. posso solo darti un consiglio,sono un collezionista squattrinato
    non ti fermare al primo oggetto che trovi
    non essere frettolosa
    devi avere pazienza
    comprato sempre su ebay il prezzo era 29,99, contattato privatamente(a volte si risparmia ma è un rischio) ha altre copie numerate
    credo un prezzo onesto

    RispondiElimina
  18. Grazie da parte mia e di Desdemona (Desdy) Metus ;)

    RispondiElimina