lunedì 27 febbraio 2012

TEX, UN SALTO NEL MONDO DI DYLAN DOG...


 “OMORO”, un sacerdote vudù, nota religione afro-americana, si rifugia con “LA TIGRE NERA” nel tempio della “Laguna morta”. Quest’ultimo manovra i figli del “Signore dei Cimiteri” comandati da Juffure. 
Nel frattempo Omoro risveglia nella laguna una schiera di zombi…
Sembra l'inizio di una trama redatta ad hoc per Dylan Dog e invece Claudio Nizzi e Mauro Boselli sono gli autori di questa storia in cui sarà TEX ad affrontare mostri classici, presi in prestito dalla letteratura horror e di solito coinvolgenti altri eroi.
Noterete che la copertina del n. 445 di Tex, dal titolo “La notte degli Zombi”, realizzata da Claudio Villa nel novembre del 1997, ha sicuramente qualcosa di molto familiare per noi, non solo nell’immagine stessa, ma soprattutto nel titolo dell’albo, che trovo assolutamente più conforme al riferimento narrativo romeriano, rispetto a quello scelto da Sclavi per il n. 1 di Dylan Dog.   E' noto che il titolo dell'albo, spesso, porta ad una errata interpretazione.

Di questo argomento ne abbiamo già parlato. E' un malinteso inerente a “Dawn of the dead”, il film di Romero la cui critica velata è rivolta al consumismo.
I riferimenti al mondo dylaniato non terminano certo qua.   Definirei questo "fenomeno" un intreccio di narrazione dovuta al fatto che gli sceneggiatori lavorano anche su più testate e quindi erano motivati a riproporre in chiave magari differente quanto avevano già raccontato.
Lo stesso vale per il disegnatore, come abbiamo visto pocanzi.
“Xabaras”, creatore dei riti voodoo, ha diverse identità.
Una di esse, Baron Samedi, è quella de Signore dei cimiteri, custode delle anime e Dio del vudù.
Baron Samedi è citato in tutti i bonellidi aventi tematiche zombi, in Tex, Mister NO e Zagor viene invocato il suo nome dagli stregoni che, con formule di magia nera, riportano in vita i cadaveri.  E' in pratica un personaggio che ha un ruolo costante quando entrano in scena riti in pieno stile da macumba caraibica.

Il n. 219 di Mister NO dell'agosto 1993 è proprio dedicato al Signore dei cimiteri.

Un interessante rassegna dei mostri facenti parte delle storie dei fumetti Bonelli è rappresentata dal numero di "BOLLE"  Bollettino di informazione n. 13 del febbraio-marzo 1994 pubblicato da "Centro Fumetto Andrea Pazienza".   Trattasi di un supplemento "Schizzo".
Vengono analizzati i mostri che hanno svolto dei ruoli all'interno delle storie di: Tex, Zagor, Piccolo Ranger, Mister NO, Martin Mystere, Dylan Dog e Nathan Never.
Le dimensioni della rivista sono di 21 cm x 29,5 cm, stampata su carta patinata, b/n 22 pagine incluso copertine, grammatura pesante, diverse immagini tratte dagli albi Bonelli e ampi riferimenti a Dylan Dog.
Licenza Creative Commons  I contenuti di questo sito, curati da Stefano Prioni, sono concessi in Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported.  Permissions beyond the scope of this license may be available to CLICK HERE!
 

4 commenti:

  1. si pero' c..o che copertine villa...
    Ma perche hanno scelto stano e lui non le ha fatte piu' DI DYLAN???'

    RispondiElimina
  2. Politiche della Bonelli, bisognerebbe chiederlo a loro.

    RispondiElimina
  3. maurizio19718 marzo 2012 17:34

    Di Schizzo se non vado errato mi pare ci fosse anche un numero proprio con dylan in copertina?
    Dovrei anche tenerlo da qualche parte...

    RispondiElimina
  4. Esistono diverse copie di Schizzo che saranno oggetto di prossimi interventi sul sito.

    RispondiElimina